Dopo il dissequestro riapre l’ex SS 110, Sodaro: “Fatto strategico per il territorio del Parco delle Serre”

Nella mattinata di oggi la Procura della Repubblica di Vibo Valentia ha notificato il dissequestro della ex strada statale 110, interdetta al traffico ormai da diversi mesi. La riapertura al traffico che avverrà già domani sera (dopo che la Guardia di Finanza avrà tolto i sigilli, per come ha dichiarato il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Andrea Niglia), è una notizia di fondamentale importanza per lo sviluppo territoriale delle aree interne, in particolare per quelle ricadenti nel territorio del Parco naturale regionale delle Serre. Il commissario straordinario Mimmo Sodaro ha infatti espresso la propria soddisfazione per il provvedimento di dissequestro definendolo: “un fatto particolarmente atteso, in quanto la ex strada statale 110 rappresenta il punto strategico di entrata. L’augurio – ha continuato il commissario – è quello che la strada possa ritornare alla sua percorribilità in piena sicurezza. Proprio nella giornata di ieri in una delle tante riunioni per promuovere il nostro territorio ho incontrato diversi operatori turistici e aziende ed ho evidenziato l’interessamento ‘anche’ del Parco delle Serre sulla viabilità interna”. In particolare riferimento alla ex 110 (tronco che va da Pizzo a Stilo) “l’auspicio è che questo torni alla competenza dell’Anas. Su questa prospettiva – ha spiegato il commissario – dove la provincia di Vibo Valentia sembrerebbe abbia già avviato le procedure opportune, c’è anche un particolare interessamento a livello parlamentare. Non si esclude che, nella prossima riunione indetta in data 20 Giugno, che si terrà nella cittadella regionale per promuovere il territorio nelle ‘Aree di servizio autostradali’, convocata dal responsabile del coordinamento territoriale dell’Anas, Giuseppe Ferrara, a cui aderirò, il presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, non perderà l’occasione per ribadire l’opportunità di sostenere anche questa iniziativa”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento