Domotek Volley Reggio Calabria galattica: 3-0 alla Pag Volley, un ultimo passo e sarà Serie A

Tensione incandescente, volti solcati dal sentimento che riscalda l’attesa di raccogliere i frutti maturi di una stagione esaltante. Era questo il certificato di autenticità predisposto dalla Domotek Volley Reggio Calabria che, guardando negli occhi la Pag Volley Taviano, sapeva di doversi specchiare, con coscienza della propria forza e spirito di gruppo, in tutto quanto di straordinario era stato compiuto nel corso del campionato. Una prova che sancisse, una volta di più, quanto la compattezza cercata e trovata da coach Polimeni, sia stata la freccia velenosa costantemente nell’arco della formazione amaranto. Nulla di cui poter fare a meno nel breve corso del mini girone a tre, comprendente anche il Volley Club Grottaglie (sconfitto 3-1 sabato scorso nel derby di Puglia). El Moudden, Boscaini e Laganà, punte acuminate nel primo set, hanno in avvio preso a spallate la partita con una vis emotiva ed agonistica ingestibili per pugliesi. Botta e risposta triturata sul 12-8 che ha spezzato in due il parziale divorando le speranze di rimonta dei giallorossi soccombenti sul punteggio di 25-19 marcato da una schiacciata sovrana di Boscaini.

Nella seconda frazione un paio di lunghezze messe in cascina dai salentini non ha scosso il sestetto di casa che, con la precisione di Picardo in formato stratosferico e l’ordine garantito dall’acume di Illuzzi e Zito, si è messa in corsia di sorpasso sul 13-12. Non sufficiente per chiudere i giochi. La compagine di mister Marte, infatti, ha rialzato la testa guadagnando il 20-16 potenzialmente adatto alla fuga. Una eventualità, però, non presa in considerazione da una Domotek Volley di granito che, con El Moudden e Stefano Remo, ha nuovamente accelerato trasportando di peso Orefice e compagni ai vantaggi. Là dove a contare sono genio e carattere, ardore e la spavalderia di osare il team dello Stretto ha dato del tu alla perfezione arrotondando il risultato sul 2-0 (30-28). Nel terzo periodo su il piede dal freno e prime curve affrontate al massimo dai ragazzi di coach Polimeni. La Pag Volley Taviano, pur stordita dai colpi subiti, ha avuto il merito di non disunirsi portandosi sopra nel punteggio (10-12). Tuttavia, se dall’altra parte del campo giganteggiano Laganà e Boscaini, la tortuosità del viaggio diventa insostenibile. Sono state le loro braccia a subissare di palloni la metà campo avversaria e tabellone ad indicare 17-14 per la Domotek Volley Reggio Calabria. I tre punti messi in fila dagli ospiti sono stati immediatamente cancellati da Boscaini, Illuzzi e Laganà (21-17): niente più fermate fino al 25-20 del tripudio. Quattro giorni ancora e sarà tempo dell’ultimo, ultimissimo sforzo: sabato a Grottaglie un passo ancora e sarà promozione, un passo ancora e sarà A3.

Contenuti correlati