Dinami, con il nuovo Dpcm stop alle attività sportive della Nuova Me.di.mo Oratori. Di Bella: “Amarezza e delusione nei confronti del Governo”

“Il nuovo Dpcm annunciato ieri sera dal premier Giuseppe Conte spezza il nostro entusiasmo e mortifica i sacrifici, anche economici, che abbiamo compiuto. Abbiamo costruito dal nulla una squadra con obiettivi sportivi, ma soprattutto con obiettivi sociali: per noi è importante portare avanti il senso di comunità, fare gruppo, stare insieme, non lasciare i giovani nella solitudine e nelle trappole della modernità”.

Il presidente della Nuova Me.di.mo Oratori, Nino Di Bella, sfoga la sua frustrazione dopo il provvedimento del presidente del Consiglio dei ministri che “impedisce le attività sportive di gruppo delle squadre di terza categoria e dei loro settori giovanili, permettendo solo allenamenti individuali”.

“Tanti ragazzi – sostiene – avrebbero partecipato per la prima volta ad un torneo dilettantistico, altri hanno rifiutato offerte da società che militano in Eccellenza o in Prima Categoria. Questa decisione di non consentire di giocare crea amarezza e delusione nei confronti del Governo che, in pratica, rischia di spazzare via il nostro progetto. Ognuno di noi ha speso risorse importanti in relazione alle proprie possibilità. Ha scommesso e investito in un’idea di sport, di solidarietà, di condivisione. Spiace anche per gli sponsor, che hanno creduto fermamente in questo progetto. Non capiamo questo stop nei nostri confronti, mentre i giochi elettronici che, a volte, causano problemi e dipendenza non siano veramente toccati dalle limitazioni. Così non va – conclude Di Bella – perché il messaggio che passa non è positivo”.

Contenuti correlati