Dieni contesta Orsomarso: “Non faccia lo gnorri scaricando i tirocinanti”

"Si faccia carico della situazione e lo faccia subito"

«L’assessore Orsomarso la smetta di fare lo gnorri e, piuttosto che giocare a scaricabarile chiamando in causa il Governo, si impegni a dare risposte immediate e certezze a tutti i tirocinanti calabresi». Così la deputata del Movimento 5 stelle Federica Dieni.


«In queste ore – aggiunge la parlamentare –, centinaia e centinaia di lavoratori assistono a un rimpallo di responsabilità davvero poco edificante, soprattutto se questi atteggiamenti pilateschi provengono dai rappresentanti della massima istituzione regionale. È risaputo, infatti, che i tirocinanti in servizio presso enti pubblici ministeriali rientrano in una convenzione siglata dalla Regione Calabria, a cui tocca dunque prevedere forme di sussidio e di tutela nei loro confronti. Tirare in ballo il Governo è perciò un diversivo poco efficace e che non fa altro che mettere in luce i limiti di questa amministrazione regionale».
«La realtà dei fatti – continua Dieni – è che i tirocinanti sono stati abbandonati al loro destino, malgrado sia stato varato il piano “Rinasci Calabria”, che prevede uno stanziamento complessivo di 150 milioni di euro. La Regione Calabria aveva preso un impegno specifico nei confronti di questi lavoratori, i quali ora non possono essere scaricati con una semplice alzata di spalle. Il tentativo dell’assessore Orsomarso di confondere le acque è dunque goffo e inopportuno, in un momento così drammatico per tutti e, in modo particolare, per quelle famiglie che hanno la sfortuna di non rientrare, per le ragioni già esposte, nelle categorie tutelate dai provvedimenti del Governo nazionale».
«Quanto alla sterile polemica circa una mia irresponsabilità politica in questa fase di emergenza – sottolinea la deputata 5 stelle –, voglio ricordare all’assessore Orsomarso che non ho esitato un attimo a sostenere con forza, e al di là dell’appartenenza politica, alcuni recenti provvedimenti della presidente della Giunta Santelli, tra cui le varie ordinanze per il contenimento del contagio e, in modo specifico, quella che ha “chiuso” la Calabria, impedendo così nuovi arrivi dalle regioni del Nord. Nessuno può, quindi, accusarmi di faziosità o di scarsa collaborazione istituzionale, tutt’altro».
«Fatta questa premessa – afferma Dieni –, è evidente che le mie richieste di intervento a favore dei tirocinanti abbiano il solo scopo di tutelare le categorie di lavoratori più fragili della nostra regione. Consiglio all’assessore Orsomarso di adottare il mio stesso orientamento e di accettare di buon grado tutti quei suggerimenti che, di certo, possono aiutarlo nell’esercizio del suo comunque difficile mandato».
«Non tiri in ballo il Governo, dunque, ma si faccia carico della situazione di tutti i tirocinanti della regione, che aspettano risposte e le aspettano subito. L’anticipo del pagamento di una mensilità, annunciato in queste ore dallo stesso Orsomarso – conclude la parlamentare –, è solo un piccolo, quanto dovuto, passo. La Regione può e deve fare molto di più»G

Contenuti correlati