Devastano area vincolata per lavori su una pista boschiva: Carabinieri Forestali li denunciano

L’area di cantiere ed il mezzo meccanico impiegato sono tuttora sotto sequestro

I Carabinieri Forestali di San Roberto hanno sequestrato in località “Mancusi ”, a Scilla, un’area di proprietà privata dove lavori di ripristino di una pista forestale, condotti illecitamente, hanno, di fatto, deturpato e destabilizzato un intera pendice montana.

La pista boschiva preesistente, lunga circa 3 chilometri, è stata pesantemente ed illecitamente allargata e rettificata, comportando vistosi sbancamenti e mettendo in pericolo l’intero assetto idrogeologico della pendice montana, peraltro già di natura molto acclive. L’area rientra in un pregevole contesto ambientale protetto dallo Stato con tre vincoli ambientali, quali il vincolo idrogeologico, il vincolo paesaggistico e la dichiarazione di Zona di Protezione Speciale (ZPS “Costa Viola”), territorio particolarmente protetto dallo Stato, riconosciuto di importanza Comunitaria ed afferente al programma Europeo Rete Natura 2000.
La ditta la quale risultava essere in possesso di autorizzazione per il taglio di un bosco ceduo di castagno e leccio tuttavia, durante la fase di preparazione dei lavori e di ripristino delle piste preesistenti, ha deturpato il territorio e modificato lo stato dei luoghi.
Lo scempio non è passato inosservato ai Carabinieri Forestali che, allo stato attuale, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria due soggetti: il 49enne B.S.A., titolare della ditta boschiva ed il 57enne S.A.M.S., in qualità di direttore dei lavori.
Numerosi sono i reati contestati che vanno dalle irregolarità su “opere svolte in assenza di autorizzazioni”, alla “distruzione di bellezze naturali”.
L’area di cantiere ed il mezzo meccanico impiegato sono tuttora sotto sequestro ed a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Contenuti correlati