Detenevano in casa fucile e munizioni: assolti madre e figlio

Il Gup ha accolto le richieste dell’avvocato Francesco Nicoletti

L'avvocato Francesco Nicoletti

Il Giudice dell’Udienza Preliminare presso il Tribunale di Cosenza, in totale accoglimento delle richieste avanzate dal penalista Francesco Nicoletti, ha assolto la 56enne S.P. e il figlio P.L. dalla grave imputazione di aver violato la legge sulle nuove norme contro la criminalità e, nello specifico, di aver, in concorso fra loro, detenuto all’interno della propria abitazione un fucile calibro 21 marca Gitti e 9 cartucce.

I FATTI Il 21 settembre dello scorso anno i Carabinieri hanno proceduto ad una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di due, dove sono stati rinvenuti il fucile e le cartucce, non regolarizzati con denuncia di detenzione e, pertanto, posti sotto sequestro quali corpo di reato. Nel corso della perquisizione si è reso necessario procedere anche all’apertura di una cassaforte a muro, per la quale gli indagati hanno dichiarato di non essere in possesso della chiave. Non essendo possibile un immediato intervento dei Vigili del Fuoco, i Carabinieri si sono avvalsi di un fabbro, nominato Ausiliare di Polizia Giudiziaria, che ha proceduto a tagliare e aprire la cassaforte. L’intera attività è stata descritta in un apposito verbale nonché in una Comunicazione di Notizia di Reato a cui ha fatto seguito l’iscrizione di madre e figlio in qualità di indagati.

L’ITER PROCESSUALE Nell’ambito del procedimento penale, è stata fissata l’udienza preliminare dinanzi al competente Tribunale di Cosenza. La difesa degli imputati ha depositato un proprio fascicolo contenente indagini difensive e ha chiesto di poter celebrare e definire il processo con il rito abbreviato. Richiesta accolta dal Giudice dell’Udienza Preliminare che, all’esito della camera di consiglio dopo le discussioni delle parti, in accoglimento delle tesi difensive dell’avvocato Francesco Nicoletti ha assolto entrambi gli imputati.

Contenuti correlati