Denuncia al 113 violenze e maltrattamenti del marito: la Polizia arriva e lo arresta

La donna ha deciso di sistemarsi in altra abitazione privata

Nella serata di sabato una giovane donna reggina ha segnalato la propria difficile situazione al 113 e gli agenti delle Volanti sono immediatamente intervenuti nell’abitazione familiare dove hanno arrestato, nella flagranza dei reati di maltrattamenti in famiglia e minaccia aggravata, C.F., 37enne marito della donna.


In particolare, i poliziotti, intervenuti per una lite in famiglia, hanno immediatamente percepito la gravità della situazione: la vittima, dopo una prima fase di reticenza dovuta probabilmente alla presenza del marito, è riuscita a trovare la forza di raccontare una condizione familiare difficile, fatta di continue violenze e vessazioni.
Il marito che, all’atto del primo intervento degli agenti, si era mostrato collaborativo, quando ha avvertito che la moglie stava raccontando la situazione in maniera approfondita, ha iniziato ad inveire ed a minacciare la donna, alla presenza dei figli minori e degli operatori delle Volanti.
Considerato il comportamento dell’uomo e gli altri gravi fatti raccontati dalla moglie, avvenuti poco prima dell’intervento degli agenti di Polizia, C.F. e la consorte sono stati accompagnati in Questura per ulteriori accertamenti.
La donna, che in precedenza aveva sempre minimizzato la grave situazione familiare alla quale era costretta unitamente ai figli, realizzando l’insostenibilità della convivenza ha formalizzato regolare denuncia in ordine ai maltrattamenti subiti ed a tutte le minacce e le violenze commesse dal marito, per il quale si è proceduto all’arresto, convalidato poi dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale di Reggio Calabria Filippo Aragona, che ha disposto la misura degli arresti domiciliari.
La donna, informata della possibilità di essere ospitata unitamente ai figli presso un centro antiviolenza, ha deciso di sistemarsi in altra abitazione privata.

Contenuti correlati