Cumuli di rifiuti nei pressi dello svincolo delle Serre: l’inciviltà come freno per lo sviluppo

Rifiuti di ogni tipo (in gran parte bottiglie di plastica e di vetro, ma anche lattine, contenitori vari, tubi, petardi,  pacchetti di sigarette, cartoni, persino vecchie lampade) sono depositati ai margini della strada che immette nello svincolo autostradale delle Serre.

Un pessimo biglietto da visita per i turisti, ma soprattutto un segnale dell’alto grado di inciviltà e delle nefaste abitudini che regnano a queste latitudini. Grandi sacchi di plastica contenenti spazzatura sono inoltre riposti sul terreno degradando l’ambiente e rappresentando una squallida forma di inquinamento. Per chi arriva dalla A2 o per chi intende imboccare l’autostrada, la visione è disgustosa.

La quantità di rifiuti dimostra che è quasi una “prassi” disfarsi di ciò che è ormai inutile in questo luogo, senza curarsi del danno che si provoca al patrimonio ambientale ed all’immagine del territorio. 

L’impressione è che una semplice pulizia straordinaria dell’area possa servire a poco, perché nel giro di poco tempo la situazione tornerebbe ad essere simile a quella attuale.

È necessario, in aggiunta ad un’opera di bonifica, un severo sistema di controlli e sanzioni, da abbinare ad una campagna di sensibilizzazione, in grado di intervenire su una mentalità che è una delle principali cause del mancato sviluppo di quest’angolo di Calabria.

Contenuti correlati