Crotone, un esordio amaro a Genova: la ricetta di Stroppa per migliorare

Quattro reti sul groppone: non è certo un gran modo di iniziare di iniziare la nuova stagione, quella del grande ritorno nella massima Serie. Stiamo parlando, come si può facilmente intuire, del Crotone guidato in panchina da parte di Giovanni Stroppa, che ha fallito all’esordio, battuto nettamente con il punteggio di 4-1 in casa del Genoa.

Una partita che non ha lasciato in dote solamente sensazioni negative, ma anche qualche aspetto positivo da cui sicuramente bisognerà ripartire in settimana e lavorare per migliorare. D’altra parte, il battesimo con la Serie A non è mai semplice, soprattutto in un anno così complicato legato all’emergenza da Covid-19, che ha scombussolato un po’ tutto il calendario sportivo.

Il Crotone si potrà salvare? I bookmakers non sono molto clementi

Anche gli appassionati di scommesse online non sono particolarmente fiduciosi che il Crotone possa fare un buon campionato e già prima dell’esordio diversi bookmaker davano la squadra calabrese come una delle principali indiziate alla retrocessione. In realtà, è sicuramente troppo presto per trarre giudizi che poi si potrebbero rivelare affrettati, ma chi ama le scommesse sul mondo dello sport sta già cercando di piazzare puntate simili.

Online, infatti, ci sono numerose piattaforme che permettono di scommettere su tantissimi eventi sportivi, non solamente la Serie A e il calcio, in modo semplice e, soprattutto, in tutto e per tutto sicuro. Oltre a puntare su chi possa retrocedere o salvarsi in questa stagione che ha appena preso il via, ecco che sempre più utenti si stanno appassionando a NetBet slot: si tratta di uno tra i giochi d’azzardo maggiormente diffusi in tutto il panorama. Le slot machine hanno il grande vantaggio di proporre una durata del gioco comunque più che limitata, ma in grado di garantire agli utenti in ogni caso un notevole coinvolgimento e un’esperienza sicuramente molto divertente.

Le idee chiare di Stroppa

Il tecnico della compagine calabrese, in conferenza stampa e nelle classiche interviste del dopo partita, ha voluto mettere in evidenza come, in effetti, qualche limite questo Crotone ce l’ha. E no, non era affatto un mistero, dal momento che l’aveva già sottolineato a tempo debito, mettendo tutti in guardia, dato che la massima serie è un campionato molto differente, anche e soprattutto dal punto di vista tecnico.

Stroppa è assolutamente consapevole come non sarà affatto una passeggiata riuscire a centrare la salvezza in questa stagione, ma in fondo siamo solamente alla prima giornata e qualche spunto positivo s’è comunque visto sul campo del Genoa, nonostante la batosta del punteggio finale.

Stroppa ha voluto analizzare l’esordio dei suoi ragazzi, mettendo in evidenza come siano stati probabilmente i singoli episodi a incidere in maniera così pesante sull’andamento della gara, visto che ha visto comunque una squadra, la sua, entrare in campo con l’approccio giusto, non quello morbido sostenuto da tanti alla fine del match.

Per Stroppa l’occasione da rete avuta dopo praticamente due minuti, se concretizzata, sarebbe stata la classica mossa che scombina completamente tutte la partita. L’avvio, poi, è stato ancora più in salita, con le due reti prese in dieci minuti, ma nel complesso nel primo tempo il Crotone è riuscito comunque a risalire la china, creando varie occasioni che, però, non hanno portato molti frutti.

Successivamente, il problema principale occorso alla squadra è sicuramente dal punto di vista fisico, dal momento che nel secondo tempo la squadra ha sensibilmente calato i giri del motore. Stroppa ha volutamente sottolineato come, se il risultato al momento del calo fisico fosse differente, allora probabilmente i ragazzi avrebbero potuto tenere comunque botta dal punto di vista mentale. Ingenuità: è questo il termine più usato dall’allenatore del Crotone alla fine del match di Genova, con la necessità di migliorare in entrambe le fasi e, magari, ricevere qualche tassello per puntellare la rosa dal mercato.

Contenuti correlati