Covid-19. Ancora un morto in ambulanza a Cosenza, l’urlo di De Magistris: “Non può rimanere impunito tutto questo scempio”

“Ancora un morto in ambulanza a Cosenza – biasima Luigi De Magistris – in fila in attesa di un posto letto. Immagini non sostenibili ad oltre un anno dalla pandemia.

La responsabilità è in primo luogo di chi ha smantellato la sanità pubblica nel corso degli anni e di chi in questo anno non è stato in grado di rafforzare la medicina territoriale e le unità di assistenza domiciliare, di aprire ospedali e strutture chiuse, di assumere personale sanitario, di coinvolgere meglio la sanità privata, di aumentare i posti letto in reparto, di rafforzare sub intensive e terapie intensive”.
“La politica regionale – contesta il candidato alla Presidenza della Regione – si mostra palesemente incapace di affrontare l’emergenza, i Commissari succedutisi spesso inadeguati e senza mezzi sono l’immagine di uno Stato che considera la Calabria periferia da sacrificare, il Governo che sembra non accorgersi del dramma di questi ultimi giorni e del disastro del Piano vaccinale.
Non può rimanere impunito tutto questo scempio. Fate presto!”

Contenuti correlati