Coronavirus, la solidarietà non va in quarantena: Potere al Popolo e CSC Nuvola Rossa vogliono fare la propria parte

Attivati servizi di mutuo soccorso

La solidarietà non va in quarantena. In un periodo di estrema difficoltà, soprattutto per categorie a rischio come anziani, immunodepressi, cardiopatici, malati così come soggetti in quarantena perché rientrati dal Nord Italia dunque tassativamente tenuti a non uscire di casa, Potere al Popolo vuole fare la propria parte, attivando i servizi di mutuo soccorso per le persone in difficoltà. “Allo stesso modo, crediamo – ricordano i militanti di PaP – sia utile evitare assembramenti in luoghi come i supermercati, dunque siamo disponibili a dare una mano a chiunque voglia “affidarsi” a noi per spesa o provviste di beni di prima necessità.


A Villa San Giovanni, attivisti, volontari e simpatizzanti del CSC Nuvola Rossa da oggi saranno disponibili per dare una mano alle persone a cui è stato consigliato di stare a casa o per età e condizione è preferibile che limitino al massimo i contatti con l’esterno per svolgere anche semplici mansioni come spesa, acquisto farmaci o altri beni di prima necessità. Per segnalare necessità o richieste, sono già attivi i numeri dei nostri referenti: Federica (3334609202) Tonino (3333528024)”.

“A Reggio Calabria – informa Potere al Popolo – stiamo organizzando il gruppo che aiuti chi ne ha bisogno, per le mansioni di spesa, commissioni, medicine etc. cerchiamo volontari disponibili a dare una mano. Chiediamo a chiunque abbia voglia di attivarsi nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e a tutela della comunità di scriverci un messaggio privato alla pagina oppure scrivici una e-mail a poterealpopolorc@gmail.com.

Rimaniamo consapevoli che il peso di questa crisi sanitaria saranno i lavoratori a pagarlo per primi e non possiamo non notare che, mentre si chiude l’Italia, fabbriche, molti uffici pubblici e privati continuano a rimanere aperti. Allo stesso modo, in tanti con contratti precari o flessibili stanno perdendo il lavoro o si vedono negare lo stipendio a causa delle chiusure di attività ed esercizi commerciali imposte per decreto o ordinanza. Hai un dubbio? Sei stato licenziato “a causa” del corona-virus? Non sai se quello che il tuo datore di lavoro sta pretendendo in questo periodo è legale? Vuoi segnalare la situazione del tuo luogo di lavoro? Parte – rendono noto i rappresentati di Potere al Popolo – il numero nazionale di assistenza, segnalazioni e consulenza per lavoratori! Chiamaci, chiedi, segnala: dal Lunedì al Venerdì dalle 11:30 alle 13:00 al 3283965965, dalle 18:00 alle 19:30 al 3519675727, dalle 19:00 alle 20:30 al 3272979156″.

Contenuti correlati