Coronavirus, ad Arena nuove disposizioni per commercianti, ambulanti e medici

Nuove limitazioni in arrivo nel centro dell’entroterra vibonese. Il sindaco di Arena, Antonino Schinella, “ritenuto necessario realizzare una compiuta azione di prevenzione”, ha assunto nuovi e più restrittivi provvedimenti che vanno ad aggiungersi a quelle imposte, per ultimo, dall’ordinanza n. 12 del 20 marzo del presidente della Regione Calabria. 

Pertanto, “considerata l’opportunità di adottare ogni deterrente, considerata la particolare pericolosità dei comportamenti scorretti nell’emergenza sanitaria in essere”, Schinella ha disposto “il divieto di spostamento, in entrata e in uscita, dal Comune di Arena per motivi diversi da quelli indicati nell’ordinanza del presidente della Regione Calabria n. 12 del 20 marzo 2020”. Ordinanza, si ricorda, che stabilisce, tra le altre cose, l’obbligo per tutti i cittadini di rimanere nelle proprie abitazioni; le uscite per gli acquisti essenziali, ad eccezione di quelle per i farmaci, vanno limitate ad una sola volta al giorno e ad un solo componente del nucleo familiare. Vietata la pratica di ogni attività motoria e sportiva all’aperto, anche in forma individuale. 

Ad aggiunta di tutto ciò, le misure ancor più stringenti adottati con apposita ordinanza firmata nel pomeriggio di ieri dal sindaco Schinella, ad Arena è stato disposto il divieto assoluto di accesso e sosta nell’intero territorio comunale per i venditori ambulanti provenienti da altre località, la chiusura anticipata alle ore 19 dei punti vendita di generi alimentari e degli altri negozi ancora aperti e / la chiusura di tutti gli ambulatori medici. 

Contenuti correlati