Coppietta rapinata mentre era appartata in auto: i Carabinieri arrestano un 23enne

Il materiale rinvenuto dai Carabinieri della Stazione di Marina di Gioiosa Jonica

Giovedì scorso, un 23enne è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in regime degli arresti domiciliari poiché ritenuto responsabile, assieme ad altri due giovani in corso di identificazione, del reato di rapina.
Tutto nasce il 26 ottobre dello scorso anno quando, in piena notte, i tre giovani, con volto travisato, avrebbero perpetrato una rapina ai danni di una giovane coppia che si era appartata in auto nei pressi della fiumara a Marina di Gioiosa Jonica.
I tre rapinatori, di cui uno armato di pistola, avevano costretto il ragazzo alla guida a consegnare il contenuto del proprio portafogli, circa 30 euro, ed il suo telefono cellulare. I tre, impossessatisi della refurtiva, hanno fatto perdere le proprie tracce dileguandosi tra la buia vegetazione. Le giovani vittime nonostante il forte spavento e la poca luce sono riusciti a cogliere alcuni elementi distintivi dei malfattori, quali il tipo di arma utilizzata – una pistola semiautomatica – e la tipologia di casco, tipo cross.
I Carabinieri della Stazione di Marina di Gioiosa Jonica, raccolta la denuncia e valorizzati gli elementi forniti dalle giovani vittime, hanno quindi avviato una meticolosa attività investigativa durata circa 3 mesi, che ha consentitodi recuperare nella disponibilità di F.V., incensurato residente a Grotteria, il telefono cellulare rapinato, i caschi da moto, dello stesso colore utilizzato dai componenti della banda, e una fedele riproduzione di pistola semiautomatica priva di tappo rosso.
Sulla scorta delle risultanze investigative, l’Autorità Giudiziaria ha emesso la misura cautelare a carico del principale indiziato, che è stato pertanto arrestato e posto agli arresti domiciliari.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento