Continua a tormentare l’ex moglie: 38enne agli arresti domiciliari

Gli sono stati contestati i reati di atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali ai danni dell’ex compagna

Nel pomeriggio di ieri, martedì, personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Crotone ha proceduto all’esecuzione dell’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari in sostituzione della misura cautelare del Divieto di Avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa nei confronti di A.L., 38 anni, disposta dal Tribunale di Crotone.

La nuova e più afflittiva misura si è resa necessaria atteso che l’uomo, nonostante la misura cautelare del Divieto di Avvicinamento in atto, si sarebbe reso responsabile di un altro grave atto intimidatorio nei confronti della ex moglie. Lo scorso 18 agosto, infatti, il soggetto dopo essersi appostato di notte presso l’abitazione della vittima, l’avrebbe seguita in auto e speronato con la propria autovettura quella della ex moglie per poi darsi alla fuga. In seguito all’episodio, la donna è stata subito trasportata presso il locale ospedale, oltre al terribile spavento per quanto accaduto, ha riportato lesioni giudicate guaribili in dodici giorni. Il Giudice delle indagini preliminari di Crotone, ritenuto che tali condotte apparivano evidentemente trasgressive delle prescrizioni cautelari imposte all’imputato, ha sostituito la precedente misura con quella cautelare degli arresti domiciliari considerandola più adatta per la tutela della vittima. Pertanto, nella giornata di ieri, l’uomo è stato accompagnato dagli agenti della Polizia di Stato presso la propria abitazione e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Ad A.L. sono stati contestati i reati di atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali ai danni dell’ex compagna.

Contenuti correlati