Congresso Pd, nel Vibonese detta legge ancora Censore: la mozione Zingaretti si attesta al 75%

Risultato schiacciante per la mozione Zingaretti nella provincia di Vibo Valentia, dove il “treno” era tirato dal già deputato Bruno Censore e dal consigliere regionale Michele Mirabello. Una vittoria (interna) netta la loro (75% e spiccioli), visto che hanno dominato nei Circoli senza troppa fatica, forti del radicamento territoriale. Caratteristica che evidentemente da queste parti manca ancora agli esponenti della mozione Martina, sponsorizzata dal deputato Antonio Viscomi, che si ferma poco sopra il 14% (bene solo a Pizzo e Filadelfia). Residuale il risultato ottenuto dalla mozione Boccia (6%).

I numeri, però, non devono trarre in inganno perché il consenso raccolto intorno alla mozione Zingaretti non è da sovrapporre a quello del presidente della Regione Mario Oliverio. La voce levatasi dai Circoli in questo senso è abbastanza chiara: l’appoggio a questa “corrente” nazionale è un discorso, quello da coagulare per l’individuazione (evidentemente tutt’altro che scontata) del candidato governatore è un altro.
Il dato, piuttosto, fotografa un quadro che descrive un Pd vibonese che, a dispetto delle critiche intestine, rimane ancora fortemente ancorato alla guida dell’esponente politico serrese.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento