Cocaina nascosta nella canna fumaria: i Carabinieri arrestano un 31enne

Lo stupefacente, sul mercato, avrebbe fruttato un illecito guadagno di oltre mille euro

Nel tardo pomeriggio di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Mirto Crosia, unitamente ai colleghi della Compagnia di Rossano e con l’ausilio di una unità cinofila del Nucleo Cinofili Carabinieri di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto per il reato di cessione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti B. L., rossanese di 31 anni.


I militari dell’Arma, nel corso di un servizio mirato al contrasto dei reati in materia di stupefacenti, nel transitare nei dintorni del Pala-Eventi rossanese, hanno notato alcuni strani movimenti da parte di due soggetti: poco dopo, in effetti, i Carabinieri hanno scorto uno scambio furtivo di un oggetto tra i due e deciso di intervenire, bloccandoli e sottoponendoli a controllo. L’esito ha rivelato come si fosse appena consumato uno spaccio di cocaina, in particolare di una dose da 0,5 grammi.
E’ stato quindi effettuato un controllo approfondito presso l’abitazione del venditore della sostanza, dove, grazie anche al fiuto dell’unità cinofila impiegata in supporto ai militari, i militari hanno rinvenuto un involucro contenente ulteriori 17,5 grammi della medesima sostanza stupefacente nascosta all’interno della canna fumaria, nonché un bilancino di precisione che il trentunenne aveva nascosto all’interno di una stufa.
Addosso all’uomo, inoltre, sono stati trovati 480 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio e sottoposti a sequestro unitamente allo stupefacente.
Su disposizione del magistrato di turno della Procura di Castrovillari, l’uomo è stato accompagnato presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Lo stupefacente, sul mercato, avrebbe fruttato un illecito guadagno di oltre mille euro.

Contenuti correlati