Cocaina, marijuana e hashish dentro casa: coppia arrestata dai Carabinieri

Nell’ambito delle attività di controllo del territorio, ulteriormente intensificate su disposizione del Comando Provinciale Carabinieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, nella serata di ieri, hanno tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 44enne e una 29enne residenti a Rende, in provincia di Cosenza. I militari operanti hanno controllato la donna alla guida della propria automobile. Durante le fasi di identificazione la giovane automobilista, riferiscono gli stessi Carabinieri, avrebbe mostrato evidenti segni di insofferenza e nervosismo soffiandosi ripetutamente il naso. I militari, insospettiti dal singolare comportamento, hanno così notato tracce di polvere bianca sulle narici della ragazza che sembrava verosimilmente cocaina. Pertanto Carabinieri hanno deciso di approfondire il controllo procedendo, quindi, ad effettuare una perquisizione domiciliare presso l’abitazione della giovane presso cui si trovava anche il convivente 44enne, il quale, alla stessa stregua della donna, avrebbe iniziato a manifestare segni di insofferenza al controllo. I militari hanno scoperto poco dopo il motivo di tanta agitazione quando, aprendo una valigetta, hanno rinvenuto 3 sacchetti sottovuoto e 25 dosi già confezionate contenenti complessivamente 323 grammi di cocaina e diverso materiale per il confezionamento, tra cui una termosaldatrice per sacchetti sottovuoto e 5 bilancini di precisione. A quel punto è stato deciso di approfondire ulteriormente il controllo, in quanto l’abitazione è particolarmente grande e su più piani, richiedendo l’intervento dell’Unità Cinofila della Tenenza della Guardia di Finanza di Montegiordano e, grazie al fiuto del cane “Ully”, sono stati rinvenuti ulteriori 5 grammi di marijuana ed ed un grammo di hashish.
Inoltre, con l’ausilio di personale dei Vigili del Fuoco di Cosenza, sono state aperte due casseforti collocate dentro l’appartamento, all’interno delle quali non è stato rinvenuto nulla di rilevante.
Lo stupefacente ed il materiale per il confezionamento, sono stati sottoposti a sequestro.
Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso le case circondariali di Castrovillari e Cosenza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento