Chiusure fabbriche in Lombardia, Santelli: “Conte blocchi nuovo esodo verso la Calabria”

“Apprendiamo in questi minuti di una nuova ordinanza emessa dalla Regione Lombardia che prevede, tra l’altro, il fermo delle attività dei cantieri edili e la sospensione delle attività degli uffici pubblici, delle attività artigianali e degli studi professionali. Si tratta di misure che, se da un lato rappresentano un’ulteriore stretta al propagarsi dei contagi in Lombardia, possono determinare indirettamente pesanti conseguenze per la Calabria e per tutte le regioni meridionali”.

A rilevarlo è la presidente della Regione Jole Santelli che spiega che “tanti corregionali che lavorano in questi settori, infatti, potrebbero di decidere, così come è avvenuto per gli studenti fuori sede,  di rientrare in  massa con conseguenze pesantissime per le nostre comunità”.

“La maggioranza dei casi che oggi registriamo in Calabria – puntualizza – è stata causata dai rientri dalle persone provenienti dalle zone rosse del nord italia che a loro volta hanno innescato il contagio sul nostro territorio. Rivolgo un appello al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro dell’interno, Luciana Lamorgese e al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola de Micheli affinché blocchino un altro esodo che avrebbe effetti devastanti”.

“L’invito ai calabresi che lavorano fuori dalla nostra regione – conclude – è sempre lo stesso: fatelo per le vostre famiglie, per i vostri cari, fatelo per voi stessi, ma non tornate in Calabria. C’è a rischio la salute di un’intera comunità e un sistema sanitario come il nostro, per quanto siano tanti e grandi gli sforzi per renderlo adeguato, non potrebbe sopportare una nuova ondata di contagi”.

Contenuti correlati