Chiusura scuola nel Vibonese, Condello: “Bambini penalizzati, l’Asp scarica le proprie responsabilità”

“Trovo ingiusta la nota con la quale il Dipartimento Prevenzione dell’Asp di Vibo Valentia ha spinto i sindaci a sospendere le attività didattiche in presenza di tutte le scuole scaricando di fatto una responsabilità propria”.

La consigliera provinciale Maria Condello critica la missiva che ha portato alla chiusura anche delle scuole dell’infanzia e primarie e rileva che “ci sono stati diversi mesi per prepararsi, ma ciò con tutta evidenza non è stato fatto opportunamente”. Una scelta, quella di invitare alla chiusura delle scuole, vista con perplessità da parte dell’esponente politica che guarda agli effetti sui discenti. “Il lockdown primaverile – osserva – ha prodotto un vuoto incolmabile perché la scuola è vita sociale, confronto e relazioni. Adesso, si ritorna nella stessa situazione perché non c’è la capacità organizzativa di processare i tamponi in tempi ragionevoli ed il prezzo di questo stato di cose lo vanno a pagare i bambini. Il cuore del problema sta nell’Asp ed è l’Asp che deve risolverlo”.

Condello, pur ritenendo di dover “mantenere alta la guardia” e intendendo come essenziale il rispetto delle regole anti-Covid, mette al centro gli alunni e sottolinea di essere “preoccupata principalmente per l’aspetto relazionale perché questi bambini perdono la mimica facciale degli altri bambini e questo interferisce nella comunicazione tra loro e anche nella modalità della didattica. Auspico, dunque, un rapido ritorno alla normalità”.

Contenuti correlati