Chiaravalle, “GiovaMenti”: “Consiglio comunale silente, gli assessori hanno solo pensato a intascare l’indennità”

“Ad ormai due anni e mezzo dall’insediamento ci viene spontaneo chiederci ma cos’è che ha fatto e sta facendo il Consiglio comunale di Chiaravalle? Inizialmente c’era la foga di tenere costantemente aggiornati i cittadini, sia da parte del sindaco che della minoranza, adesso c’è il silenzio assoluto”. L’interrogativo se lo pone il gruppo “GiovaMenti”, che si chiede anche “cos’hanno fatto gli assessori nel corso di questi due anni e mezzo?”.

“Per quanto riguarda la cultura – sostiene il movimento – è sicuramente apprezzabile la voglia e l’impegno, al di là del risultato. Obiettivo assolutamente centrato, invece, per l’assessore alla legalità e trasparenza, soprattutto su questo secondo fronte perché, in effetti, è così trasparente da dare l’impressione di non esserci mai stata. Sulla viabilità, invece, l’assessore Garieri è sempre presente, transita spesso sulle vie cittadine e della zona rurale ma lì, forse, lo fa con il trattore perché in alcuni punti passare con la macchina è diventato un azzardo.
Dulcis in fundo, i lavori pubblici, l’urbanistica, il bilancio e la programmazione, tutti riposti nelle insipienti, pardon, sapienti mani dell’assessore Foti che ancora sta preparando le slides della programmazione per decidere da quale settore iniziare. Che ci vogliamo fare, è un tipo riflessivo.
Tutti gli assessori – aggiunge ‘GiovaMenti’ – una cosa però l’hanno fatta, ogni mese si sono portati a casa l’indennità che, a parer nostro, sarebbe pure cosa buona e giusta se non fosse, però, che durante la campagna elettorale i componenti di ‘Ripensiamo Chiaravalle’ dicevano di volervi rinunciare o di volerle utilizzarle per qualcosa di utile alla cittadinanza. Forse una volta vinte le elezioni devono aver cambiato idea, o devono averle dedicate a se stessi poiché avranno pensato che, in fondo, facevano parte della cittadinanza anche loro. Comunque a breve dovrebbe esserci l’avvicendamento e siccome la speranza è l’ultima a morire, speriamo che almeno i prossimi assessori facciano qualcosa in più e non si limitino solo ad intascare l’indennità. Tra gli altri consiglieri nessuno brilla per il proprio operato, eccezion fatta per il consigliere Corrado che ha organizzato un’inedita notte dei normanni con alcunché di normanno e una castagnata davvero salata, ebbene sì, perché l’abbiamo pagata prima con il contributo che il Comune ha dato ad ‘Agorà’ e poi ben 5 euro per chi ha deciso di assaggiare le castagne!
Parte fondamentale e integrante del Consiglio comunale, poi, sarebbe la minoranza a cui le norme attribuirebbero un ruolo di stimolo e di controllo, oltre che politico.
Il condizionale è d’obbligo perché, a parte la presenza, a volte rumorosa, durante lo svolgimento dei rari Consigli comunali, la minoranza di Chiaravalle Centrale non svolge né il ruolo di stimolo che servirebbe, eccome, nella situazione in cui ci troviamo, né tantomeno di controllo perdendo di conseguenza il peso politico che i cittadini le avevano riconosciuto nelle ultime elezioni. Con l’anno nuovo alle porte – è la conclusione – vedremo cosa succederà”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento