Centri estivi: dalla Regione 5 milioni e mezzo di euro ai Comuni calabresi

Iniziativa dell’Assessorato al Welfare per sostenere le attività dei Municipi

Più di 5 milioni e mezzo di euro. Questa la somma che la Regione Calabria ha messo a disposizione dei Comuni calabresi per il finanziamento di iniziative, da svolgersi anche in collaborazione con enti pubblici privati, a vantaggio dei minori.


In particolare, secondo quanto rende noto l’Assessorato regionale al Welfare guidato da Gianluca Gallo, attraverso le risorse a disposizione, ritagliate tra le somme messe a disposizione della Regione col Fondo nazionale per le politiche della famiglia, si punterà a sostenere sia progetti volti a contrastare la povertà educativa ed implementare le opportunità educative e culturali in favore di bambini ed adolescenti, sia a garantire interventi per il potenziamento dei centri estivi diurni, dei servizi socioeducativi territoriali e dei centri con funzione educativa e ricreativa destinati alle attività di bambini e bambine di età compresa fra i 3 e i 14 anni, per i mesi da giugno a settembre 2020.
Come da comunicazione inoltrata agli stessi Comuni da parte del Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche Sociali, a firma del direttore generale Roberto Cosentino, gli enti interessati dovranno trasmettere agli uffici regionali competenti a mezzo pec (all’indirizzo politichesociali.lfps@pec.regione.calabria.it) l’apposito schema, debitamente compilato, recante la dicitura “Finanziamento dei centri estivi 2020 e contrasto alla povertà educativa”. Il termine ultimo per la presentazione delle istanze scadrà alle 14 di mercoledì 10 giugno.

Contenuti correlati