Caso Segre, il segretario Lega di Reggio Calabria non è indagato

“Il tentativo di delegittimare la Lega e Nicola Barreca – mette in chiaro Giacomo Saccomanno, Commissario regionale della Lega – si è sciolto come neve al sole! La Procura di Milano ha certificato, in data 07.02.2023 che non esiste alcun procedimento penale a carico dello stesso.

E’, pertanto, inconcepibile che giornali a livello nazionale possano fornire notizie inveritiere come quelle comparse negli ultimi giorni. A gran titolo, si è sventolato che il Segretario cittadino di Reggio Calabria, appena eletto, potesse essere tra i venti indagati per le minacce ed ingiurie alla senatrice Segre. Ebbene nulla di ciò, allo stato, è vero! Quindi, un attacco alla persona ed al partito che viene rimandato al mittente, con l’evidente e palese diffamazione”. Ma, siccome non ci nascondiamo dietro il dito, se per ipotesi ci dovesse essere stata una sola segnalazione, qui dobbiamo interrogarci: chi ha passato la notizia – si chiede il dirigente leghista – e perché? L’articolo 379 c.p. stabilisce ’… Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque rivela indebitamente notizie segrete concernenti un procedimento penale, da lui apprese per avere partecipato o assistito ad un atto del procedimento stesso, è punito con la reclusione fino a un anno …’. Quindi, in conclusione: allo stato non esiste nulla e, quindi, è palese la diffamazione. Se, invece, per ipotesi, dovesse esserci una segnalazione, vi è il reato di rilevazione di segreto relativo ad indagine penale”. Noi riteniamo – commenta l’esponente salviniano che non vi sia nulla, per come confermato dal nostro Segretario, ma, in ogni caso, l’azione dei giornalisti interessati è molto grave per l’evidente violazione del codice penale in tutti i casi”.

Contenuti correlati