Caso plusvalenze, il Crotone chiede di rinviare due partite del Chievo

Il rinvio dei primi due match del Chievo nel campionato di Serie A e del primo del Crotone nel torneo cadetto.

E’ ciò che ha ufficialmente richiesto il club pitagorico, attraverso gli avvocati Elio Manica e Giancarlo Pittelli, alla Federcalcio. Un’istanza formulata “per consentire alla Giustizia sportiva di pronunciarsi sul caso della plusvalenze della formazione veneta”. La decisione è scaturita dopo che la Federazione italiana gioca calcio ha rigettato la proposta, avanzata dai calabresi, di posticipare l’avvio delle due categorie, A e B. La mossa della società rossoblu nasce da “motivi di opportunità, in relazione al fatto che i due gradi di giudizio della giustizia sportiva porterebbero a una pronuncia dei giudici in tempi incompatibili con l’inizio della A. Il tutto al fine di un ripristino della legalità violata in danno del Crotone e per scongiurare l’irrimediabile danno cagionato alla società”. Gli avvocati che tutelano gli interessi del Crotone mettono in evidenza, “l’evidente frustrazione del significato e degli effetti della sanzione certa che sarà irrogata nei confronti della società deferita e della possibilità di partecipare al campionato della massima serie”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento