Casa della Salute di Chiaravalle: la minoranza diffida il sindaco

“Ormai è diventato normale non rispettare le norme. Credere di poter amministrare una città sviando dalle regole del confronto democratico. È cattiva abitudine, infatti, da parte del sindaco e di tutta la sua maggioranza ignorare le istanze legittime dei consiglieri di minoranza, legittimi rappresentanti dei 2/3 dei cittadini chiaravallesi e contestualmente provare ad apparire come il paladino di turno, inventando le peggiori menzogne pur di nascondere le reali inefficienze e incapacità. Per ristabilire la realtà dei fatti è bene informare i cittadini tutti che ad oggi il Sindaco non ha ritenuto di convocare il Consiglio comunale straordinario ed urgente richiesto dai Consiglieri Comunali di minoranza Giuseppe Maida, Francesco Maltese, Emanuela Neri e Gregorio Tino, in data 3 ottobre 2017 ai sensi dell’art. 39, comma 2 del Tuel per discutere la questione: Casa della Salute di Chiaravalle Centrale: Stato di attuazione del Progetto e possibili sviluppi.
La legge sancisce questo diritto al fine di garantire il confronto democratico delle forze rappresentative di una collettività. Evidentemente il Sindaco pensa di vivere in un paese nel quale può decidere a suo piacimento di sostituirsi alle leggi dello Stato. Magari pensa di governare in un regime autoritario sentendosi così autorizzato ad azzittire le minoranze negando un diritto insindacabile dei Consiglieri comunali.
Abbiamo provato anche nella seduta dell’ultimo Consiglio comunale di chiedere attraverso una mozione d’ordine l’inserimento dell’argomento Casa della Salute nell’ordine del giorno, ma anche questo è stato negato.
Nel frattempo tante scene teatrali si sono consumate e anche i 20 giorni previsti dalla norma per la convocazione del consiglio stanno per scadere. Non è più tollerabile accettare questo comportamento arrogante che fa comunque pensare ad un timore verso il confronto nelle sedi istituzionali, timore scaturente sicuramente da un’incapacità di reggere una discussione a più voci che sembra spaventare i la maggioranza tutta.
Visto il reiterare del comportamento omissivo del Sindaco di convocare il Consiglio comunale come disciplinato dall’art. 39, comma 2 del Tuel i gruppi di minoranza hanno depositato nella giornata odierna una diffida, invitando il sindaco a procedere tempestivamente alla convocazione del Consiglio, trasmettendo a S. E. il Prefetto copia della stessa”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dai consiglieri comunali Emanuela Neri, Giuseppe Maida, Gregorio Tino, Francesco Maltese.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento