Carenza di anestesisti e ortopedici negli ospedali vibonesi, l’Asp fa il punto della situazione

Al centro della nota del Management i motivi della situazione attuale concernente anestesisti e ortopedici.

“Si è in presenza di una emergenza che supera i confini della nostra Regione e che da diversi anni sta creando, in numerose aziende sanitarie e non solo a Vibo, non pochi problemi nella individuazione delle soluzioni effettivamente percorribili per garantire i livelli essenziali di assistenza ai cittadini”.

È la premessa di una nota dell’Asp di Vibo Valentia diffusa per fare chiarezza sulla carenza di anestesisti e ortopedici. “In questo difficile contesto – viene spiegato – sono state numerose le iniziative che questo Management ha avviato al fine di superare la situazione emergenziale.
Per quanto riguarda la carenza di anestesisti, occorre dire che nel 2016 è stato espletato un concorso per l’assunzione di 5 medici. Purtroppo 3 di questi si sono dimessi dall’incarico perché vincitori di concorso in altre aziende sanitarie.
Si è pertanto proceduto ad effettuare un avviso a tempo determinato per altre 5 unità e di queste solo una ha preso servizio per poi dimettersi successivamente.
Immediatamente dopo è stata inviata richiesta di assunzione per altri 3 medici anestesisti utilizzando una graduatoria dell’Asp di Catanzaro e per la cui definizione si è in attesa di conoscere le determinazioni degli interessati.
È stato infine bandito un concorso per 11 posti le cui procedure concorsuali sono attualmente in itinere. Nello specifico sono stati ammessi 17 candidati e si è in attesa di conoscere il nominativo del componente regionale da inserire nella Commissione per avviare la fase conclusiva”.
Per quanto concerne gli ortopedici, l’Asp ricorda preliminarmente che “negli ultimi 18 mesi ben 5 medici sono andati in pensione tra cui il Direttore dell’Unità Operativa”.
“Per ovviare a ciò – viene precisato – è stato bandito un avviso a tempo determinato per 2 ortopedici di cui uno è in servizio da circa un anno e un altro ha comunicato la volontà di rinunciare a far data 31 luglio p.v..
Attualmente si trovano in servizio 5 unità di cui 1 con limitazioni.
Contestualmente nel corso dell’anno 2017 è stato espletato un concorso per 3 dirigenti medici e, dei 15 medici idonei presenti in graduatoria, uno ha accettato per poi dimettersi il 1 giugno u.s., con un altro medico vi è una vertenza giudiziaria mentre il terzo era già in forza al reparto con un contratto a tempo determinato.
Nei prossimi giorni saranno assunti ulteriori provvedimenti per garantire le urgenze e consentire al personale medico di fruire dell’inderogabile diritto al congedo ordinario”.
“Questo Management, unitamente al Collegio di Direzione – viene sottolineato – monitora costantemente l’andamento di tutti i reparti per consentire un corretto funzionamento degli stessi e garantire ai pazienti la necessaria sicurezza e tranquillità, pur tra le oggettive difficoltà che siamo chiamati ad affrontare quotidianamente.
Nell’U.O. di Ortopedia, ad esempio, dove gli interventi in urgenza vengono sempre garantiti, dal 27 giugno alla data odierna tutti i pazienti che hanno avuto necessità di interventi chirurgici programmati sono stati operati.
Tutto questo – è la conclusione – conferma l’attenzione di questo Management nei confronti della sanità vibonese che ha bisogno di essere supportata, in un percorso comune fra azienda, amministratori e popolazione, da comuni intenti per realizzare un’attività sanitaria qualificata e realmente in grado di dare risposte ai cittadini”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento