Carabinieri Forestali sequestrano rifiuti da demolizione dei lavori di ristrutturazione di una scuola

Sii ipotizzano i reati di gestione non autorizzata di rifiuti e deposito incontrollato

Circa 300 metri cubi di rifiuti sono stati posti sotto sequestro dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Pietro in Guarano a seguito di un controllo svolto su un cantiere interessato ai lavori di ristrutturazione per la messa in sicurezza della scuola comunale in disuso in località Gidora, a Luzzi, in provincia di Cosenza.

I militari hanno constatato che i rifiuti generati da un intervento di demolizione erano stati depositati in parte in un piazzale e parte all’interno di locali della stessa struttura. Rifiuti che sono stati depositati direttamente sul suolo nel piazzale, senza alcuna copertura e senza alcuna precauzione atta a ridurre rischi per la salute e per l’ambiente. In particolare vi erano depositati rifiuti in vari cumuli quali inerti di calcestruzzo, plastica e pannelli di cartongesso. Oltre a tali rifiuti speciali vi era anche della lana di vetro classificata come rifiuto speciale pericoloso. Dagli accertamenti effettuati è stato constatato, inoltre, come questi rifiuti non siano stati smaltiti in tempi utili previsti, ossia con cadenza almeno trimestrale in quanto questi hanno superato il limite quantitativi previsto per legge prefigurando pertanto uno stoccaggio di rifiuti non autorizzato. I rifiuti speciali non pericolosi prodotti, peraltro, erano depositati in modo incontrollato non rispettando l’omogeneità degli stessi. Nei cumuli di rifiuti rinvenuti, infatti, era presente, all’interno di essi, il miscuglio di vari rifiuti. I rifiuti sono stati posti sotto sequestro per due persone, ditta e subappaltatrice, si ipotizzano i reati di gestione non autorizzata di rifiuti e deposito incontrollato.

Contenuti correlati