Capistrano, sequestrato dai Carabinieri Forestali un laboratorio per la lavorazione del marmo

I militari delle Stazioni Carabinieri Forestali di Vallelonga e Polia hanno denunciato, nei giorni addietro, un soggetto per aver smaltito illecitamente dei rifiuti.
Durante un’attività pianificata proprio per contrastare l’abbandono incontrollato di rifiuti, i militari hanno accertato, in località Centofontane del Comune di Capistrano, la presenza di diversi metri cubi di materiale, costituito da scarti di lavorazione del marmo depositati in adiacenza ad un vecchio casolare.
Nell’effettuazione del sopralluogo, i militari hanno costatato che il materiale proveniva da un laboratorio per la lavorazione del marmo, ubicato oltre la strada provinciale.
Il proprietario, presente all’interno dell’opificio, nell’ammettere le proprie responsabilità e nel tentativo di giustificarsi ha riferito, altresì, che comunque aveva depositato gli scarti delle lavorazioni in un’area sempre di sua appartenenza.
Per la condotta posta in essere, di conseguenza, i militari hanno posto sotto sequestro l’area interessata, di circa 200 mq, e l’opificio.
Pertanto, il responsabile è stato segnalato alla competente Autorità giudiziaria. Lo stesso dovrà rispondere per la violazione alla normativa sui rifiuti, nonché per violazione al vincolo paesaggistico-ambientale, poiché l’area in questione è ubicata ad una distanza inferiore a 150 metri dal fiume Angitola.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento