Caos Vibo, “Vibo Unica” ha richiesto la convocazione d’urgenza del Consiglio comunale

"Chiedo ai capigruppo che volessero aderire a questa iniziativa di apporre la loro firma"

“Il particolare momento di crisi politica ed amministrativa, che è divenuta anche crisi istituzionale, impone serietà, rigore e soprattutto la capacità di tutte le forze politiche di trovare convergenza sull’opportunità che il Consiglio Comunale avente ad oggetto la situazione attuale si tenga entro e non oltre la data del 2 di febbraio”.

E’ ciò che ritiene Claudia Gioia, capogruppo di “Vibo Unica”, in relazione alla situazione caotica che caratterizza, ormai da tempo, la vita politica cittadina. “Ed infatti, solo laddove entro tale data il sindaco dovesse decidere di rassegnare le dimissioni, dopo avere verificato la posizione delle varie forze politiche, si potrebbe arrivare al voto già ad aprile evitando così – è il ragionamento dell’esponente consiliare – o la permanenza di questo stato di cose o un lungo commissariamento. Per tale ragione ho predisposto una richiesta di convocazione d’urgenza di un Consiglio Comunale, ai sensi dell’art. 67 del Regolamento del Consiglio Comunale, e chiedo ai capigruppo che volessero aderire a questa iniziativa di apporre la loro firma. Sarebbe sufficiente la convergenza di altri due capigruppo per consentire al presidente del Consiglio Comunale di convocare, entro 48 ore dal protocollo, il Consiglio Comunale senza passare per la conferenza dei capigruppo”. “Questa soluzione – avverte la capogruppo di ‘Vibo Unica’ – è l’unica che consentirebbe, ribadisco, di discutere prima dello spirare del termine che consente il voto ad aprile”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento