Calci e pugni all’ex compagna che per scappare si lancia dalla finestra: catturato

I medici hanno diagnosticato alla vittima traumi che guariranno in un mese

Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Volante ha tratto in arresto P.R., crotonese di 46 anni, accusato di atti persecutori nei confronti della ex compagna.

In particolare, intorno alle 16.20, il personale delle Volanti, in servizio di controllo del territorio, transitando per via Don Puglisi, a Crotone, è stato attirato dalle urla di una donna che, dall’interno di una abitazione posta al primo piano, chiedeva aiuto. In stato di agitazione e con diverse ferite in testa ed all’altezza del labbro, riferiva di essere stata aggredita dal suo compagno dal quale, da un po’ di tempo si era allontanata e che, introdottosi nell’appartamento, avrebbe iniziato a colpirla più volte con calci e pugni e lanci di suppellettili. La stessa, dopo essersi rifugiata nel bagno, in preda al panico, ha deciso di lanciarsi dalla finestra, mentre l’aggressore si dileguava. Sul posto, operatori del 118 hanno prestato le prime cure alla vittima, che per i vari traumi subiti è rimasta ricoverata presso il nosocomio cittadino con una prognosi di giorni 30 giorni. Le incessanti attività svolte dalla Polizia hanno permesso di rintracciare l’uomo che è stato tratto in arresto ed associato presso la locale casa circondariale. Sono state, contestualmente, disposte perquisizioni a carico dell’arrestato al fine anche di rinvenire eventuali armi.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento