Calabria maglietta nera per connessioni a internet, ma cresce la fibra

Viviamo nell’epoca delle tecnologie digitali e, nonostante l’impegno dimostrato negli ultimi anni, l’Italia non risulta essere comunque all’altezza delle altre nazioni europee. Nella Penisola, infatti, non sono poche le famiglie ancora sprovviste di connessione web in casa: una situazione che, purtroppo, emerge con forza soprattutto nelle regioni del Sud come la Calabria, la più arretrata per quanto riguarda l’uso di internet, seguita a ruota da Molise e Sicilia. Approfondiamo dunque la situazione attuale della regione, prendendo in considerazione i dati di settore a nostra disposizione.

Maglietta nera per numero di famiglie connesse

La Calabria si trova oggi all’ultimo posto nella classifica delle regioni connesse al web; a sostenerlo sono i dati comunicati dall’Istat, secondo i quali le famiglie calabresi non connesse superano il 33% del totale. Nonostante un incoraggiante incremento del 5% rispetto al 2018, infatti, la Calabria non ha guadagnato posizioni nella graduatoria nazionale, lasciando intatta la situazione già allarmante relativa al cosiddetto “digital divide”. Una delle conseguenze di questa situazione è l’attuale mancanza di competenze necessarie per sfruttare tutte le potenzialità e le risorse offerte dalla tecnologia.

Fibra ottica in crescita: 81% di copertura entro il 2020

Come abbiamo visto, la situazione relativa al numero di famiglie connesse in Calabria è piuttosto allarmante, ma a contrastare questo dato c’è la continua crescita della diffusione delle tecnologie come la fibra ottica. Secondo gli ultimi dati comunicati dal Ministero dello Sviluppo Economico, infatti, la connessione a 100 Mbps raggiunge attualmente il 14,2% delle abitazioni della regione, mentre quella a 30 Mbps arriva a coprire il 65% del totale, offrendo delle risorse più che notevoli grazie all’alta velocità di connessione. Secondo il piano di sviluppo previsto per la regione, inoltre, entro l’anno prossimo la fibra a 30 Mbps dovrebbe arrivare a coprire l’81% delle abitazioni.
Come accade in molte altre regioni italiane, però, anche in Calabria è presente il problema delle aree bianche, ossia di quei comuni che non sono coperti da connessione cablata. La soluzione che più si adatta a queste aree geografiche è optare per delle offerte di internet per la casa come quelle di Linkem, basate su reti miste fibra-radio; queste ultime si rivelano infatti particolarmente utili in casi come questi, in quanto consentono di compensare al meglio la carenza delle infrastrutture cablate.

Contenuti correlati