Assistenti educativi senza stipendio da mesi, La Strada rifiuta le giustificazioni dell’Amministrazione: “Non è dignitoso”

“Verrebbe da dire: nulla di nuovo – prende atto tristemente il Movimento La Strada – sotto al sole. Malgrado le continue rassicurazioni, gli assistenti educativi non sono riusciti ancora ad ottenere che venga loro riconosciuto il diritto ad essere pagati regolarmente per il loro servizio.
Sono ancora in attesa degli stipendi di novembre, dicembre e gennaio. Hanno ottenuto lo stipendio di ottobre solo pochi giorni prima di Natale. Nel Consiglio comunale tenutosi il 31 dicembre il consigliere comunale Saverio Pazzano ha ricordato che ‘lo stipendio non è un regalo, ma un diritto’. Nella stessa occasione il sindaco facente funzioni ha risposto come si stia lavorando per rendere efficiente la macchina dei pagamenti”.

“Invece – guadando ai fatti come fanno i militanti de La Strada – siamo punto e a capo, e possiamo dirlo con assoluta cognizione di causa, perché stiamo seguendo con fedeltà la questione da molto tempo e conosciamo ormai bene i meccanismi e le criticità, davanti a cui non vale qualunque spiegazione fornita di volta in volta dall’Amministrazione. Una volta un problema, una volta un altro: non si può lottare ogni giorno per avere ciò che è un diritto sacrosanto. Non è giusto. Non è dignitoso: per chi lavora, per chi è assistito a scuola, per chi amministra sia esso di maggioranza o di opposizione. Per questo, ancora una volta e con continuità ci battiamo. Per questo abbiamo chiesto un incontro urgente con il sindaco facente funzioni Brunetti: abbiamo criticità da condividere e proposte da fare per consentire che vi sia regolarità nei pagamenti di chi svolge un lavoro di rilevanza costituzionale”. “Confidiamo- è la speranza dei componenti dell’organizzazione rappresentata in Consiglio comunale da Saverio Pazzano – nella sensibilità e nell’attenzione di Brunetti per un confronto proficuo”.

Contenuti correlati