Assemblea sulla sanità a Serra, Barillari: “Combattiamo l’epidemia della rassegnazione”

“Noi siamo un movimento civico, senza colori. In un territorio come il nostro bisogna partire da una riflessione che ci pone davanti una questione di diritti basilari”. Ha esordito così il leader di “Liberamente” Alfredo Barillari all’Assemblea cittadina sulla sanità svoltasi a palazzo Chimirri.

“Vogliamo avviare un dialogo – ha chiarito Barillari – che porta risposte a quei cittadini che vivono l’epidemia della rassegnazione che conduce all’indifferenza. A Serra di ospedale non si parlava da troppo tempo. Non possiamo tornare all’ospedale di 30 anni fa, perché c’è stato un Piano di rientro che ha influito sulla sua funzione. Non vogliamo vagheggiare, ma avere ciò che ci spetta di diritto e che è stato messo nero su bianco in un decreto di più di due anni fa”. Posta la domanda sulla sorte del “San Bruno” quando sarà aperto il nuovo nosocomio di Vibo, Barillari ha spiegato che “questa iniziativa poteva essere complementare all’incontro fra i sindaci”.

“Il medico – ha sottolineato il presidente dell’Ordine provinciale Antonino Maglia – è un professionista di alto livello che si spende per la cura e la presa in carico del paziente. A fronte di questa abnegazione c’è però una precarietà strutturale, strumentale, tecnologica e organizzativa”. Maglia ha inoltre ribadito che “i 65 posti letto dell’ospedale di Serra esistono solo sulla carta”.

Presenti all’evento i sindaci di Spadola (Cosimo Damiano Piromalli) e Brognaturo (Cosmo Tassone), i rappresentanti della minoranza di Mongiana, Fabrizia e Nardodipace, ed autorevoli componenti delle Istituzioni e della società civile. Il dg dell’Asp Angela Caligiuri ha inviato una email per comunicare la disponibilità a collaborare, mentre, a dispetto dell’annuncio dei giorni scorsi, è stata sporadica la partecipazione degli esponenti di “In alto volare” (presenti solo Domenico Zaffino, Giuseppe De Raffele e Rosa Vellone). Non hanno preso parte i membri dell’Amministrazione comunale.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento