Arrestato maresciallo dei Carabinieri che ha preso a calci e pugni il Comandante

La Procura della Repubblica di Cosenza ha avviato le indagini sull'episodio

Un maresciallo dei Carabinieri, Ivan Pucci, è finito agli arresti domiciliari per aver malmenato il Comandate della Compagnia di Cosenza, il Capitano Giuseppe Merola.

A scatenare l’ira del sottufficiale sarebbe stata la decisione di spostarlo dal Comando della Stazione di Carolei, presso cui prestava servizio, a Corigliano Rossano. La violenta aggressione è stata perpetrata nel chiuso della stanza che ospita l’ufficio del Capitano e nella quale l’assalitore in divisa aveva segregato il superiore. Serrata la porta, aveva poi lanciato le chiavi dalla finestra. Ad accorrere in aiuto del Comandante della Compagnia sono stati i militari dell’Arma che, resisi conto di quanto stava accadendo, hanno buttato giù la porta. La vittima guarirà in un mese. La Procura della Repubblica di Cosenza ha avviato le indagini sull’episodio accaduto, con ogni probabilità, nella serata di venerdì. I reati contestati al maresciallo sono lesioni e sequestro di persona.

Contenuti correlati