Anche una delegazione serrese presente al XXVI Cammino nazionale delle Confraternite

Si è svolto a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, il XXVI Cammino nazionale delle Confraternite. Un evento che ha richiamato nella Città dei Sassi più di 10.000 membri di congregazioni cattoliche, che hanno rappresentato ciascuno il proprio sodalizio in uno sterminato corteo variopinto.

Le manifestazioni hanno avuto inizio venerdì 14 giugno con interessanti convegni sulla pietà popolare (ospite il cardinal Gianfranco Ravasi) e concerti tenuti dai cori delle confraternite. L’apice del Cammino è stata la solenne Eucarestia celebrata nello Stadio comunale di Matera dall’Arcivescovo monsignor Antonio Giuseppe Caiazzo (prelato calabrese, di Isola Capo Rizzuto). La Santa Messa è stata preceduta appunto dal Cammino che le confraternite, tutte rigorosamente in abito ed esibenti con orgoglio i propri vessilli, hanno percorso partendo dal luogo fissato per il raduno (la locale parrocchia di San Paolo).
I chilometri percorsi sotto un cielo limpido e un sole caldo sin dalle prime ore del giorno sono stati accompagnati dai canti e dalle preghiere della piccola delegazione serrese nelle persone di don Vincenzo Schiavello, Enzo Vavalà e Marco Primerano. Un’emozione unica ha invaso i cuori dei rappresentanti serresi nell’essere scelti, tra tantissimi, ad animare il Cammino confraternale.
Sotto lo guardo dei Santi patroni di Matera, la Madonna della Bruna e l’eremita San Giovanni, Serra San Bruno è stata degnamente rappresentata, sicuramente non nel numero ma nella prontezza nel rispondere alla chiamata al servizio.

Contenuti correlati