All’alba operazione “Libro Nero”: “Affermati imprenditori e politici locali e regionali asserviti totalmente alla ‘ndrangheta”

L’inchiesta è stata condotta della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria,

L’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, condotta stamane e sfociate nell’operazione “Libro Nero”, ha consentito, a parere degli inquirenti, di fare luce anche sugli interessi economici e politici della cosca Libri, svelando come affermati imprenditori e politici locali e regionali fossero asserviti totalmente alle volontà della consorteria criminale in qualità di soggetti intranei o concorrenti esterni.

In particolare, è stato accertato, riferiscono gli investigatori, come la cosca abbia favorito, nel corso del tempo, alcuni imprenditori che potevano sembrare avulsi da qualsiasi contesto mafioso, ma al quale in realtà avrebbero partecipato pienamente. Tali soggetti, secondo gli inquirenti, rispondendo alle logiche ed alle strategie di sviluppo imprenditoriale pianificate dai vertici della cosca e godendo degli occulti finanziamenti e delle protezioni derivanti dalla stessa, hanno assunto posizioni di assoluto rilievo nei loro ambiti operativi, godendo da un lato della protezione della ‘ndrangheta, al fine di avviare e far crescere in modo esponenziale le proprie attività imprenditoriali, e finanziandola dall’altro.

Contenuti correlati