Acquaro, il servizio prelievi resta. Barilaro: “La battaglia è vinta”

“Sin da quando è sorto il problema relativo alla privazione del punto prelievi di Acquaro, mi sono attivato al fine di tutelare l’intero comprensorio contattando i vertici dell’Asp e, preventivamente, avviando interlocuzioni con i privati per supplire ad eventuali mancanze pubbliche. Oggi, con la consueta cortesia, il dottor Michelangelo Miceli mi ha informalmente comunicato che, già nel mese dì dicembre, ci sarà una risposta rispetto alle esigenze dell’utenza. La questione è pertanto da ritenersi risolta”.

Il sindaco di Acquaro Giuseppe Barilaro, nel ringraziare Miceli, sottolinea l’importanza del servizio sanitario nei contesti montani e premontani, dove l’età media della popolazione è elevata e dove il ritardo di sviluppo è motivo di serie difficoltà. “Sarò sempre in campo – ha affermato Barilaro – per difendere la mia comunità, che non può subire ulteriori tagli e che, anzi, deve essere sostenuta dalle Istituzioni. Oggi le residue preoccupazioni svaniscono e registriamo l’accoglimento delle nostre istanze. La battaglia è dunque vinta. I cittadini devono comunque sapere che noi saremmo stati preparati ad ogni evenienza e che rimarremo sempre vigili per evitare anche ipotetiche, ma a questo punto assolutamente non preventivabili, inversioni di marcia”.

Contenuti correlati