Acqua, vertici Sorical ascoltati per 3 ore in Commissione: discussione su assunzioni e problemi finanziari

"I Comuni hanno sempre meno risorse per pagare le nostre forniture"

L’audizione dei Commissari liquidatori di Sorical S.p.A. ha impegnato per quasi tre ore i lavori della seconda Commissione “Bilancio, programmazione economica ed attività produttive, affari dell’UE e relazioni con l’estero”, presieduta da Giuseppe Aieta.


Il Commissario liquidatore del socio privato Baldassare Quartararo ha spiegato che “Sorical, in liquidazione dal 2012, ha firmato un accordo di ristrutturazione del debito ed ancora che la stessa ha chiuso i bilanci a partire dal 2014, sempre in utile. Il sistema idrico calabrese non funziona; i Comuni, a seguito del taglio dei trasferimenti statali, hanno trasferito i loro problemi finanziari alla Sorical. Ora i Comuni stanno sempre peggio, hanno sempre meno risorse per pagare le nostre forniture sia per le perdite che per le tariffe non aggiornate da decenni. La soluzione è il servizio idrico integrato, con un progetto industriale sostenibile e tariffe adeguate”.
Da parte sua, il Commissario della Sorical Luigi Incarnato ha detto: “Il mandato affidatomi dal presidente Mario Oliverio è stato funzionale alla verifica se ci fossero i presupposti affinché Sorical potesse essere rilanciata ed essere il perno su cui costruire il soggetto gestore del servizio idrico integrato”. Ed ha poi soggiunto: “L’unica soluzione è avere una società pubblica con Regione e Comuni azionisti”. Sul piano del personale ha puntualizzato: “Siamo una società mista a partecipazione pubblica che agisce secondo il Codice civile”.
“Un’audizione utile – quella richiesta dal collega Orsomarso – ha commentato il presidente Giuseppe Aieta – da cui si evince che la Sorical è una società che non ha problemi economici poiché consegue utili, ma solo problemi finanziari derivanti dal fatto che molti Comuni sono in ritardo con i pagamenti. Abbiamo posto la questione delle assunzioni che negli ultimi giorni è stata al centro della discussione politica e mediatica. Abbiamo compreso le ragioni di queste assunzioni (che non sono assunzioni a tempo indeterminato, ma a tempo determinato di persone che già lavoravano nelle ditte appaltatrici dei lavori di Sorical) e che consentiranno un risparmio generato dalla internalizzazione. Rispetto a questo aspetto – ha concluso – sollecitiamo di seguire la vicenda sia sul piano finanziario che della trasparenza e chiediamo come Commissione la trasmissione della relazione tecnico-finanziaria, l’elenco degli internalizzati in SoRiCal ed i requisiti richiesti”.
Nel prosieguo dei lavori, il consigliere Sinibaldo Esposito ha illustrato il testo unificato dei progetti di legge n. 365/10 e 348/10 dal titolo: “Integrazione delle aziende ospedaliere della città capoluogo di Regione”, “auspicando – alla luce della rilevanza dell’intervento normativo e delle connesse aspettative – che il progetto di legge possa essere inserito all’ordine del giorno del Consiglio di lunedì 11 marzo”. Il testo ha ottenuto oggi il parere favorevole unanime della Commissione.
Successivamente, l’organismo ha approvato all’unanimità il parere n.49/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Legge regionale n. 24 del 16.5.2013. Ente per i Parchi Marini Regionali. Adozione regolamento di contabilità armonizzata dell’Ente”.
Approvata (con il voto contrario del consigliere Orsomarso) la proposta di legge n.410/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio di cui alla lettera a) comma 1, dell’articolo 73 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e successive modifiche e integrazioni”.
Via libera (con l’astensione del consigliere Orsomarso) anche alla proposta di legge n. 414/10^ di iniziativa del consigliere Mauro D’Acri recante: “Modifica alla legge regionale n. 4/2019” (inerente la disciplina relativa all’avvio dell’attività di vendita diretta dei prodotti agricoli, “modifica che si è resa necessaria per uniformare la normativa regionale alle disposizioni statali”).
Licenziata quindi a maggioranza (con l’astensione del consigliere Orsomarso) la proposta di legge n. 415/10^ di iniziativa del consigliere Mirabello recante: “Modifica alla legge regionale n. 2/2019” (laddove si prevede che i distretti possano concorrere alla realizzazione di pontili galleggianti stagionali).
Via libera all’unanimità alla proposta di legge n. 261/10^ di iniziativa del consigliere Franco Sergio recante: “Istituzione del Premio di studi economici in memoria di Don Carlo De Cardona”.
Dopo l’audizione del presidente regionale Anmil Calabria, Antonio Carlizzi è stato approvato con voto unanime della Commissione il parere finanziario sulla proposta di legge n.394/10^ di iniziativa dei consiglieri Gallo, Mirabello e Romeo recante: “Modifiche alla l.r. 14/1984(Provvidenze in favore dei mutilati ed invalidi civili e del lavoro)”.
Sempre all’unanimità è stato licenziato il parere finanziario sulla proposta di provvedimento amministrativo n.249/10^ di iniziativa del consigliere Arturo Bova recante: “Proposta di legge al Parlamento recante: ‘Elenco delle imprese denuncianti fenomeni estorsivi e criminali. Affidamento diretto di lavori pubblici fino a 150.000 euro. Modifiche al decreto legislativo 50/2016 (Codice dei contratti pubblici)'”.
In merito alla proposta di legge n. 149/10 d’iniziativa dei consiglieri Romeo, Scalzo e Bevacqua dal titolo “Disciplina delle Associazioni Pro Loco” sono stati auditi Giuseppina Ierace e Giovanni Porcelli (rispettivamente presidente e vicepresidente UNPLI Calabria).
“Le Pro Loco sono il fulcro del turismo – hanno commentato – Portano avanti questo importante segmento dell’economia regionale con le proprie forze e risorse. Per il loro lavoro meritorio e per l’impegno profuso per il territorio vanno sostenute” – ha concluso il presidente della II Commissione Giuseppe Aieta.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento