Accoltellamento, minacce di morte con pistola e aggressione con bottiglia: 33enne recluso in carcere

L'arresto è stato eseguito stamattina

Stamattina personale della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di Paola, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del 33enne S.S., pregiudicato, ex sorvegliato di Pubblica Sicurezza, indagato per i reati di lesioni e minaccia aggravate, porto illegale d’arma.


La misura cautelare, richiesta dalla Procura della Repubblica di Paola, è stata emessa dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Paola, Maria Grazia Elia.
Nel novembre scorso gli agenti del Commissariato di Paola, erano intervenuti in seguito ad un accoltellamento avvenuto in pieno centro cittadino, che aveva avuto come vittima un uomo di 54 anni.
Dalle indagini eseguite, nell’immediatezza dell’accaduto, effettuate dalla Polizia di Stato e successivamente coordinate dalla Procura della Repubblica di Paola, sarebbe stato accertato che la vittima, il cinquantaquattrenne, era intervenuta per sedare una lite tra il proprio figlio e S.S..
Nell’occasione S.S., con un coltello avrebbe inferto gravi ferite alla vittima.
Inoltre, nello scorso giugno, sempre S.S. si sarebbe reso responsabile di un altro episodio criminoso nei confronti dello stesso uomo, minacciandolo di morte con una pistola.
E’ stato appurato, peraltro, che S.S. già nell’autunno del 2019 avrebbe ferito, senza un apparente motivo, un’altra vittima, colpendola al volto con una bottiglia di vetro e procurandole profonde ferite da taglio alla testa.
Il personale del Commissariato di Paola, dopo aver visionato ore di immagini registrate da sistemi di video sorveglianza e aver sentito a sommarie informazioni le persone che avrebbero potuto riferire in merito agli episodi, ritiene di aver ricostruito dettagliatamente i vari eventi criminosi.

Contenuti correlati