30enne assolto dall’accusa di rapina e lesioni “perché il fatto non sussiste”

La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Castrovillari

L'avvocato Francesco Nicoletti

Il Tribunale di Castrovillari in composizione collegiale, in totale accoglimento delle richieste avanzate dal penalista Francesco Nicoletti, ha assolto il trentenne S.P., pluripregiudicato di Mirto Crosia, dalle gravissime imputazioni di rapina, violenza privata aggravata e lesioni, con la formula più ampia “perché il fatto non sussiste”.

I FATTI La vicenda nasce dalla denuncia presentata presso la Stazione di Rossano della Legione Carabinieri Calabria da un commerciante residente nell’area urbana di Corigliano, che riferì di essere stato inseguito, aggredito e rapinato. Secondo il racconto del denunciante, tutto avrebbe avuto inizio dalla discussione con due soggetti mentre si trovava all’interno di un bar a Mirto Crosia. Andato via a bordo della propria autovettura, dopo aver percorso circa cinquanta metri, si accorse dallo specchietto retrovisore che i due con i quali aveva discusso lo stavano inseguendo, facendolo accostare. Fermata l’auto, il commerciante chiamò i carabinieri ma, nonostante questo, i due iniziarono ad aggredirlo mentre era ancora seduto in auto con la portiera aperta. Per come ricostruito dal commerciante, i due malfattori sbatterono dapprima la portiera contro la sua gamba e contro il suo braccio sinistro, per poi tirarlo fuori dal mezzo e buttarlo a terra dove continuarono a colpirlo a calci sul torace, sulla schiena, sulle gambe, sulle braccia e sulla testa. Dopo averlo aggredito, i due si misero a frugare all’interno dell’autovettura rinvenendo una ingente somma di denaro in contanti di cui si impossessavano prima di darsi alla fuga. Il commerciante, curato e refertato in ospedale dopo l’accaduto, nella denuncia sporta descrisse l’intero episodio con dovizia di particolari, indicando i dettagli degli aggressori nonché la targa dell’auto da loro utilizzata.

IL PROCESSO Nel corso dell’istruttoria dibattimentale, nell’ambito del processo celebrato dinanzi al Tribunale di Castrovillari, sono stati sentiti tutti i testi indicati dalla pubblica accusa, tra i quali i Carabinieri che hanno ricostruito la dinamica dei fatti e riferito in merito alla individuazione dell’imputato e ai riscontri all’attività di indagine. È stata anche sentita la testimonianza del titolare del bar di Mirto Crosia, il quale ha dato atto della presenza dell’imputato al momento della discussione con il commerciante. Il teste ha inoltre affermato che lo stesso commerciante era poi tornato al bar, dopo circa mezz’ora, riferendo di essere stato aggredito dal soggetto con cui aveva avuto poco prima una discussione proprio all’interno del locale.

LA SENTENZA All’esito della Camera di Consiglio, il Tribunale di Castrovillari in composizione collegiale, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’avvocato Francesco Nicoletti ha assolto l’imputato dai reati di rapina, violenza privata aggravata e lesioni con la formula più ampia “perché il fatto non sussiste”.

Contenuti correlati