Il 24 ottobre Renzi nel Vibonese: le amare considerazioni di Mangialavori

“L’idea di attraversare l’Italia in treno non è del tutto nuova per la sua classe politica. In mancanza di idee, evidentemente, non c’è nulla di meglio che riciclare quelle passate. Altro che ‘Rottamazione’! Di nuovo, insomma, ben poco”. Parole e pensieri di Giuseppe Mangialavori, Coordinatore provinciale di Forza Italia a Vibo Valentia. “A proposito della prossima visita del segretario nazionale del PD, già presidente del Consiglio e nuovamente aspirante tale, balzano subito agli occhi – è la sottolineatura dell’esponente ‘azzurro’ – alcuni dati. Il primo: per questo viaggio come mai non si è utilizzata la nuova autostrada, inaugurata proprio dall’ex presidente? Tale passaggio sarebbe stato utile per comprendere le attuali reali condizioni; ancora, evidentemente, non proprio inappuntabili. Ma vi è di più. La stazione di Ricadi, per tutta la stagione estiva non è certo stata il fiore all’occhiello della Costa degli dei. E ciò, nonostante sia stata attraversata da tanti turisti. Evidentemente, il ‘peso’ del segretario PD è di gran lunga superiore a quello dei tanti visitatori estivi. Ma poi, sarebbe stato utile, forse, fargli attraversare le strade provinciali, perché avesse contezza di uno dei tanti effetti collegati alla riforma dell’ente fortemente voluta dal precedente Governo. E ancora, un viaggio nell’entroterra, per fargli incontrare realtà spesso abbandonate a se stesse da una politica autoreferenziale e distante dalle esigenze di crescita e di sviluppo. Sarebbe poi utile, a proposito di treni, fare quattro chiacchiere sul gap che separa le linee ferroviarie del Sud con il resto del Paese”. “Ma lo schieramento politico che governa la Regione, sempre di più caratterizzato dall’immobilismo, ha ben altro cui pensare: strettissima la sua vigilanza e sovraintendenza – argomenta infine Mangialavori – volta ad assicurare che la stazione di Ricadi sia fulgida, per il fatal dì”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento