Trasversale delle Serre, i sindaci delle Preserre chiedono un incontro urgente all’Anas

I sindaci Domenico Donato (Chiaravalle Centrale), Alessandro Doria (San Vito sullo Ionio), Walter Matozzo (Argusto), Mario Barbieri (Torre di Ruggiero), Giuseppe Marra (Cardinale), Giovanni Sgrò (Gagliato), Giuseppe Condello (San Nicola da Crissa) e Marco Martino (Capistrano) hanno siglato una nota congiunta, sottoscritta anche dal presidente del Gal “Serre Calabresi”, Marziale Battaglia. Nella missiva, indirizzata al responsabile del Coordinamento territoriale di Anas, Giuseppe Ferrara, si richiede “la convocazione di un incontro urgente presso la sede compartimentale Anas di Catanzaro, avente ad oggetto lo stato dei lavori della Trasversale delle Serre”. “Vista la crescente mobilitazione popolare e il malcontento diffuso per la totale assenza di notizie sui cantieri della costruenda superstrada – scrivono i firmatari del documento – si rende necessario un incontro urgente per conoscere:
1) lo stato dei lavori in corso di esecuzione che riguardano il Tronco n. 1 – lotto n. 2, il Tronco n. 1 – lotto n. 1 stralcio 2, il Tronco n. 3 – lotto n. 2, ovvero lo svincolo autostradale, il viadotto Scornari e il bivio Montecucco;
2) gli interventi in corso di progettazione che riguardano il Tronco n. 1 – lotto n. 1 stralcio 2, il Tronco n. 1 – lotto n. 1 stralcio 1, il Tronco n. 2 – lotto unico Vazzano-Vallelonga, il Tronco n. 5 – lotto n. 4 Gagliato-Satriano, compresa la bretella per Satriano e il Tronco n. 5 – lotto Satriano-Soverato, per un costo preventivato di oltre 349 milioni di euro”.
Nella nota si richiede, altresì, “di conoscere lo stato del riappalto della cosiddetta bretella di Campo Petrizzi, di avere copia di tutte le progettazioni oggi esistenti e delle relative coperture finanziarie, con precisa indicazione della provenienza e con i tempi previsti per l’inizio dei lavori e per il completamento definitivo di ogni Tronco in esame”. Il documento è stato inviato, per conoscenza, anche al prefetto di Catanzaro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*