Strage familiare in Calabria: padre uccide moglie e figli, poi si spara in bocca

Si va delineando la dinamica della tragedia di Rende, dove in un’abitazione sono stati trovati i cadaveri dei componenti di una famiglia. Secondo le prime ricostruzioni operate attraverso gli accertamenti tecnici, a mettere in atto il dramma nella villetta di località Cutura sarebbe stato Salvatore Giordano, titolare di un’attività commerciale per la vendita di strumenti musicali. L’uomo, secondo i Carabinieri, avrebbe ucciso la moglie, il figlio e la figlia per poi spararsi in bocca. Prima di fare fuoco contro le due donne, Giordano le avrebbe accoltellate. I parenti, residenti nelle vicinanze, avrebbero udito gli spari e, preoccupati, si sarebbero recati presso la villa, dove però nessuno avrebbe potuto aprire la porta d’ingresso.
L’intera comunità è rimasta raggelata da questi fatti sconvolgenti che hanno distrutto la serenità collettiva.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*