Serra, lo Slai Cobas attacca Censore e la dirigenza Asp: “Ospedale sguarnito, ci sono scopi elettorali”

L'ospedale di Serra San Bruno

Lo Slai Cobas denuncia “l’ennesimo atto di discriminazione e disinteresse attuato dai dirigenti dell’Asp di Vibo Valentia nei confronti dalla comunità delle Serre calabre”. Nello specifico, “l’’organico medico del Pronto soccorso dell’ospedale di Serra San Bruno – spiega il sindacato autorganizzato- è composto da sole 3 unità (dovrebbero essere 6), troppo pochi per garantire il Servizio di Pronto Soccorso. Infatti, per garantire la continuità assistenziale vengono utilizzati 2 medici del Suem–118 e sporadicamente qualche altro medico di reparto del presidio ospedaliero di Serra San Bruno i cui turni al Pronto soccorso vengono effettuati al di fuori del normale orario nei propri reparti e servizi. Con i turni già programmati per il mese di agosto, il dirigente medico di 2° livello del Pronto soccorso di Vibo Valentia senza nessuna comunicazione preventiva ha spostato un medico da Serra San Bruno a Vibo Valentia, lasciando praticamente scoperto il Pronto soccorso e costringendo al raddoppio il medico in turno, rimasto in servizio senza riposo per 24 ore. Situazione gravissima se si pensa che l’esperto medico comandato a Vibo non dovrà più rientrare a Serra.
A questo – sottolinea lo Slai Cobas – si aggiunga che il medico radiologo a Serra San Bruno è completamente assente nei turni notturni e festivi, che il chirurgo è presente H/24 solo 20 giorni al mese, che in Medicina vi sono solo 4 unità mediche e in Lungodegenza solo 1. Questa è sinteticamente la situazione, la responsabilità – è la conclusione – è chiaramente della dirigenza dell’Asp vibonese che sposta il personale medico a suo piacimento, che concentra le risorse umane e tecnologiche solo su Vibo disinteressandosi delle altre realtà; ma è gravissima la responsabilità della dirigenza politica (Censore in primis) che ha svenduto questo territorio per scopi personali ed elettorali”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*