Impresa edile controllata dalla Guardia di Finanza: scoperti 16 lavoratori “in nero”

La Guardia di Finanza, nel corso delle ordinarie attività di controllo economico – finanziario del territorio, ha scoperto presso le unità locali di una società attiva nel settore delle costruzioni, la presenza di lavoratori non risultanti da alcuna documentazione obbligatoria prevista ai fini del loro impiego. I controlli delle Fiamme Gialle della Compagnia di Paola e della Tenenza di Amantea, sono stati effettuati nel territorio amanteano, dove i militari della Guardia di Finanza accedendo con i loro poteri ispettivi presso le sedi della società, individuate mediante precedenti sopralluoghi, hanno scoperto 16 lavoratori impiegati completamente “in nero” dall’impresa, la quale non aveva provveduto ad alcuna preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro. Dopo l’accesso presso i locali societari, le violazioni riscontrate sono state oggetto di verbalizzazione al fine di applicare le sanzioni previste dall’articolo 3 del Decreto Legge 12/2002, il quale, alla luce delle modifiche introdotte dal Decreto legislativo 151/2015 attuativo del Jobs Act, stabilisce che in caso di impiego di lavoratori senza preventiva comunicazione di

instaurazione del rapporto di lavoro da parte del datore di lavoro, si applica una sanzione amministrativa che va da
1.500 euro a 9.000 euro per ciascun lavoratore irregolare che non abbia superato, però, i 30 giorni di effettivo lavoro.
Le sanzioni, invece, possono arrivare fino a 36.000 euro per ciascun lavoratore, se impiegato per oltre 60 giorni di effettivo lavoro. La società controllata, inoltre, è stata “diffidata”, così come previsto dall’articolo 13 del Decreto Legislativo 124 del 2004, alla regolarizzazione delle inosservanze riscontrate, entro i previsti termini e i lavoratori riconducibili a tali imprese dovranno essere assunti per almeno 3 mesi. Le norme in materia di regolarità del rapporto di lavoro sono molto severe e contrastano l’utilizzo di operai “alla giornata” sprovvisti di un rapporto di lavoro, che vengono spesso sfruttati e mal pagati oltre ad essere privati di una reale sicurezza della loro integrità fisica.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*