Confiscati beni ad un imprenditore: è considerato un evasore fiscale socialmente pericoloso

La Guardia di Finanza ha appena dato esecuzione al sequestro ed alla contestuale confisca di beni mobili, immobili e quote societarie riconducibili ad un noto imprenditore del Lametino, accumulati nel tempo, secondo gli inquirenti, con i proventi derivanti soprattutto, tra l’altro, da evasione fiscale ed attività illecite assimilate. Il provvedimento giudiziario è stato emesso dalla Seconda Sezione Penale del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica, sulla base delle informative del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme. La confisca del patrimonio dell’imprenditore rappresenta l’esito delle indagini di polizia economico–finanziaria, istituzionalmente svolte dalle “Fiamme Gialle”, volte all’individuazione e all’aggressione dei patrimoni conseguiti da chiunque si arricchisca a mezzo di attività illecite di qualsivoglia natura. I mirati accertamenti patrimoniali e reddituali dei finanzieri, condivisi da Procura e Tribunale sono infatti riusciti a dimostrare che i beni confiscati hanno un valore economico del tutto sproporzionato ed ingiustificato rispetto ai redditi leciti dichiarati nel tempo dall’imprenditore indagato. Ciò avrebbe consentito alla Guardia di Finanza di Lamezia Terme di delineare un solido quadro indiziario, indispensabile per disporre il sequestro e la contestuale confisca del patrimonio rivelatosi, sostengono gli investigatori, di origine illecita o ingiustificato nel legittimo possesso, per una sproporzione accertata di oltre 2.300.000 euro. Come dimostrato dagli accertimenti esperiti dalle “Fiamme Gialle”, infatti, per nascondere la reale disponibilità dei beni sottoposti a misura ablatoria l’imprenditore si sarebbe avvalso anche di tre familiari “prestanome”. L’odierna attività risulta di particolare spessore investigativo in quanto eseguita nei confronti di un presunto evasore fiscale socialmente pericoloso, e risulta essere la prima della specie di tali proporzioni operata dagli uffici lametini della Procura. In esito al provvedimento reale sono stati quindi appena confiscati numerosi immobili, soprattutto terreni e fabbricati commerciali, oltre che quote societarie, beni mobili e veicoli vari, per un valore che supera il milione di euro, atteso che il soggetto non risulta attualmente disporre di altri beni in grado di soddisfare pienamente la cautela reale disposta dalla magistratura.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*